SOCIAL
INDIRIZZO Via Lessolo 32 10153 Torino P.IVA 11521680014
CONTATTO Tel.: 011.427 62 28  info@gruppocasapiemonte.it

TINTEGGIATURA

Dipingere   le   pareti   di   casa   può   essere   un   modo   per   cambiare   faccia   agli   ambienti   con   un   intervento tutto   sommato   semplice.   Ecco   le   diverse   tecniche   di   decorazione.   L’arte   della   tinteggiatura   può essere   agevolmente   svolta,   oltre   che   da   professionisti,   dagli   appassionati   del   fai   da   te.   Naturalmente, ogni   tecnica   ha   un   suo   proprio   grado   di   difficoltà,   vantaggi   e   svantaggi.   Volete   dipingere   le   pareti   con un   effetto   particolare?   Partite   dalla   velatura:   una   tecnica   che   si   può   realizzare   con   diversi   strumenti, primi   fra   tutti   spugne   e   stracci.   Con   un   po’   di   pazienza,   anche   i   meno   esperti   possono   ottenere risultati   davvero   soddisfacenti.   Fra   le   finiture   murali,   è   una   delle   più   semplici   da   eseguire.   Ha   anche   il grande    pregio    di    offrire    una    varietà    di    effetti    praticamente    infinita    e    ogni    volta    diversi.    È caratterizzata   da   un   motivo   trasparente   che   si   ottiene   sovrapponendo   a   un   fondo   opaco,   tipo   pittura lavabile,   una   o   più   mani   di   finitura   velata   in   tinte   differenti:   a   contrasto   o   in   nuance   di   colore,   a seconda   del   risultato   che   si   intende   conseguire.   Richiede   prodotti   specifici,   disponibili   in   versione lucida,   opaca   o   cerata,   che   si   ottengono   aggiungendo   a   una   base   neutra   (in   genere   un   protettivo silossanico   per   esterni   e   interni,   con   buone   doti   di   traspirabilità)   i   colori   universali   a   tintometro.   Il termine   velatura   racchiude   diverse   finiture,   che   prendono   il   nome   dallo   strumento   che   si   impiega per   la   stesura.   I   più   comuni   sono   spugna   e   straccio,   ma   si   possono   impiegare   anche   pennelli, appositi   guanti,   frattazzi   spugnati,   spatole.   Questa   decorazione,   adatta   per   esterni   ed   interni,   si   può effettuare     su     intonaci     non     rifiniti     o     rasati     a     stucco.     Nel     caso     di     intonaci     vecchi,     vanno preventivamente   eliminate   imperfezioni   o   irregolarità   dovute   a   trattamenti   precedenti;   per   pulire accuratamente   la   superficie   va   passata   una   leggera   carta   abrasiva.   È   buona   norma,   per   uniformare l’assorbimento   del   colore,   stendere   anche   uno   strato   di   fissativo   prima   di   procedere   con   il   fondo.   Per quanto   riguarda   la   resa   e   l’effetto   finale,   in   genere   più   si   diluisce   il   colore,   più   la   decorazione   appare delicata   e   rarefatta.   Inoltre,   se   si   varia   la   pressione   dello   strumento   o   si   passano   più   mani   solo   in alcune parti del muro, è possibile diversificare la decorazione. Le principali tecniche a confronto La spugnatura È   la   più   diffusa   e   si   esegue   con   una   spugna   (da   qui   “spugnatura”),   che   può   essere   sintetica   o naturale:    a    seconda    che    si    utilizzi    l’una    o    l’altra    si    ottiene    un    diverso    effetto.    Nel    primo    caso, considerato   che   i   prodotti   industriali   hanno   un   disegno   che   si   ripete   sempre   uguale,   la   finitura   risulta più uniforme e compatta; mentre appare irregolare se si impiegano spugne marine,   che   per   loro   natura   hanno   una   superficie   non   omogenea.   La   posa   può   essere   eseguita   in   più modi.   Il   metodo   “a   mettere”   prevede,   dopo   aver   preparato   la   superficie   con   uno   strato   di   primer   e due mani di fondo della tinta   base,   di   immergere   la   spugna   nella   vernice   e   tamponare   la   parete   con   tocchi   leggeri.   Esiste   poi la   variante   “a   togliere”,   che   consiste   invece   nello   stendere   sul   muro   il   prodotto   di   velatura,   con   il   rullo o   la   pennellessa,   e   di   picchiettare   la   spugna   sulla   parete   finché   la   pittura   è   ancora   umida,   in   modo   da asportare parte della vernice. In questo caso l’effetto decorativo è più evidente. Con lo straccio Un   effetto   un   po’   più   “spiegazzato”,   si   ottiene   utilizzando,   al   posto   della   spugna,   un   panno   o   uno straccio   in   cotone.   L’esecuzione   è   simile   alla   spugnatura:   dopo   averlo   appallottolato,   basta   intingere il   panno   in   un   colore   acrilico   e   picchiettare   la   superficie   già   preparata   con   le   mani   di   fondo.   Per facilitare la posa esistono appositi frattazzi. Lo spatolato Più   impegnativo   per   un   intervento   fai   da   te,   lo   spatolato   rende   la   parete   lucida   e   liscia   al   tatto,   con un   effetto   simile   al   marmorino.   Si   esegue   con   particolari   pitture   (assimilabili   agli   stucchi)   che   si stendono,   come   dice   il   nome,   con   una   spatola   in   metallo   o   plastica,   più   facile   da   utilizzare   perché   è più morbida e ha spigoli smussati.
RICHIEDI INFORMAZIONI
SOCIAL
INDIRIZZO Via Lessolo 32 10153 Torino P.IVA 11521680014
CONTATTO Tel.: 011.427 62 28  info@gruppocasa piemonte.it

TINTEGGIATURA

Dipingere   le   pareti   di   casa   può   essere   un   modo per     cambiare     faccia     agli     ambienti     con     un intervento    tutto    sommato    semplice.    Ecco    le diverse    tecniche    di    decorazione.    L’arte    della tinteggiatura    può    essere    agevolmente    svolta, oltre    che    da    professionisti,    dagli    appassionati del   fai   da   te.   Naturalmente,   ogni   tecnica   ha   un suo     proprio     grado     di     difficoltà,     vantaggi     e svantaggi.    Volete    dipingere    le    pareti    con    un effetto    particolare?    Partite    dalla    velatura:    una tecnica     che     si     può     realizzare     con     diversi strumenti,   primi   fra   tutti   spugne   e   stracci.   Con un     po’     di     pazienza,     anche     i     meno     esperti possono           ottenere           risultati           davvero soddisfacenti.   Fra   le   finiture   murali,   è   una   delle più    semplici    da    eseguire.    Ha    anche    il    grande pregio      di      offrire      una      varietà      di      effetti praticamente    infinita    e    ogni    volta    diversi.    È caratterizzata   da   un   motivo   trasparente   che   si ottiene   sovrapponendo   a   un   fondo   opaco,   tipo pittura   lavabile,   una   o   più   mani   di   finitura   velata in    tinte    differenti:    a    contrasto    o    in    nuance    di colore,    a    seconda    del    risultato    che    si    intende conseguire.         Richiede         prodotti         specifici, disponibili    in    versione    lucida,    opaca    o    cerata, che    si    ottengono    aggiungendo    a    una    base neutra   (in   genere   un   protettivo   silossanico   per esterni   e   interni,   con   buone   doti   di   traspirabilità) i     colori     universali     a     tintometro.     Il     termine velatura       racchiude       diverse       finiture,       che prendono     il     nome     dallo     strumento     che     si impiega    per    la    stesura.    I    più    comuni    sono spugna    e    straccio,    ma    si    possono    impiegare anche      pennelli,      appositi      guanti,      frattazzi spugnati,    spatole.    Questa    decorazione,    adatta per    esterni    ed    interni,    si    può    effettuare    su intonaci   non   rifiniti   o   rasati   a   stucco.   Nel   caso   di intonaci        vecchi,        vanno        preventivamente eliminate    imperfezioni    o    irregolarità    dovute    a trattamenti           precedenti;           per           pulire accuratamente    la    superficie    va    passata    una leggera    carta    abrasiva.    È    buona    norma,    per uniformare   l’assorbimento   del   colore,   stendere anche   uno   strato   di   fissativo   prima   di   procedere con    il    fondo.    Per    quanto    riguarda    la    resa    e l’effetto   finale,   in   genere   più   si   diluisce   il   colore, più   la   decorazione   appare   delicata   e   rarefatta. Inoltre,   se   si   varia   la   pressione   dello   strumento o   si   passano   più   mani   solo   in   alcune   parti   del muro, è possibile diversificare la decorazione. Le principali tecniche a confronto La spugnatura È   la   più   diffusa   e   si   esegue   con   una   spugna   (da qui    “spugnatura”),    che    può    essere    sintetica    o naturale:   a   seconda   che   si   utilizzi   l’una   o   l’altra   si ottiene    un    diverso    effetto.    Nel    primo    caso, considerato   che   i   prodotti   industriali   hanno   un disegno   che   si   ripete   sempre   uguale,   la   finitura risulta   più   uniforme   e   compatta;   mentre   appare irregolare se si impiegano spugne marine,     che     per     loro     natura     hanno     una superficie   non   omogenea.   La   posa   può   essere eseguita    in    più    modi.    Il    metodo    “a    mettere” prevede,   dopo   aver   preparato   la   superficie   con uno strato di primer e due mani di fondo della tinta   base,   di   immergere   la   spugna   nella   vernice e   tamponare   la   parete   con   tocchi   leggeri.   Esiste poi   la   variante   “a   togliere”,   che   consiste   invece nello   stendere   sul   muro   il   prodotto   di   velatura, con   il   rullo   o   la   pennellessa,   e   di   picchiettare   la spugna   sulla   parete   finché   la   pittura   è   ancora umida,     in     modo     da     asportare     parte     della vernice. In questo caso l’effetto decorativo è più evidente. Con lo straccio Un   effetto   un   po’   più   “spiegazzato”,   si   ottiene utilizzando,   al   posto   della   spugna,   un   panno   o uno   straccio   in   cotone.   L’esecuzione   è   simile   alla spugnatura:    dopo    averlo    appallottolato,    basta intingere     il     panno     in     un     colore     acrilico     e picchiettare    la    superficie    già    preparata    con    le mani    di    fondo.    Per    facilitare    la    posa    esistono appositi frattazzi. Lo spatolato Più   impegnativo   per   un   intervento   fai   da   te,   lo spatolato   rende   la   parete   lucida   e   liscia   al   tatto, con   un   effetto   simile   al   marmorino.   Si   esegue con   particolari   pitture   (assimilabili   agli   stucchi) che   si   stendono,   come   dice   il   nome,   con   una spatola    in    metallo    o    plastica,    più    facile    da utilizzare    perché    è    più    morbida    e    ha    spigoli smussati.
  • Should be Empty: